MINI-WORKSHOP - SULLE SPALLE DEI GIGANTI: I NOSTRI PADRI NOBEL

MINI-WORKSHOP - SULLE SPALLE DEI GIGANTI: I NOSTRI PADRI NOBEL


28 Settembre 2018, Cittadella della Ricerca, Brindisi
Auditorium Cittadella, Ore 19.00-20.00
Session Chair: Dr.ssa Maria Lucia Protopapa
E' NECESSARIA LA PRENOTAZIONE

PER TUTTI GLI EVENTI SU PRENOTAZIONE E' CONSIGLIATA LA REGISTRAZIONE CHE VA EFFETTUATA INVIANDO LA RICHIESTA AL SEGUENTE INDIRIZZO MAIL:

I ricercatori del Centro ENEA di Brindisi racconteranno la storia di alcuni premi Nobel particolarmente significativi per il proprio percorso scientifico, mettendo in evidenza l'importanza che le loro scoperte hanno avuto nell’avanzamento della scienza e della tecnologia. I ricercatori evidenzieranno in particolar modo come la loro attuale ricerca sia stata permessa dalle fondamentali scoperte dei padri Nobel e dai cambiamenti sociali e culturali operati da alcune grandi personalità.

Marie Sklodowska-Curie

Marie Curie (1903 e 1911) per gli studi sulle radiazioni e la scoperta del radio e del polonio

Maria Lucia Protopapa

Marie Curie è stata una delle personalità più importanti del ventesimo secolo: scoprì assieme al marito Pierre il polonio e il radio, fu la prima donna a ottenere il Nobel (insieme a Pierre), fu la prima scienziata a riceverne un secondo, la prima donna a insegnare alla Sorbona di Parigi.

Si dedicò con passione e determinazione alla ricerca sul fenomeno della radioattività e, pur vacillando davanti alle tragedie della vita che la colpirono, continuò a dedicarsi alla ricerca scientifica con tenacia e abnegazione.

E’ un simbolo di modernità e indipendenza: visse nella ferma convinzione che la determinazione nella ricerca e l’insofferenza per i vincoli ingiusti fossero due facce della stessa medaglia, in quanto la ricerca ha come condizione imprescindibile la libertà e come modalità di azione il coraggioso superamento di ogni limite. All’origine della sua straordinaria forza furono la curiosità e il piacere della scoperta che la resero sprezzante dei pericoli connessi alla sua attività di ricerca, come delle convenzioni sociali dell’epoca.

H2020-MSCA-NIGHT-2018 Coverpage

H2020-MSCA-NIGHT-2018 Coverpage

Andre Geim e Konstantin Novoselov

Andre Geim e Konstantin Novoselov (2010) per il grafene

Nico Taurisano

I pionieri del grafene
Il seminario racconterà la figura dei due scienziati russi, le cui ricerche hanno stimolato e svelato nuovi orizzonti scientifici e tecnologici. Si discuterà delle proprietà molteplici del materiale, soffermandosi sulle diverse e potenziali applicazioni: dall’elettronica all’energia, dai nanomateriali compositi alle tecnologie per l’ambiente.

Andre Geim e Konstantin Novoselov

Chandrasekhara Venkata Raman (1930) per la scoperta dell'effetto Raman

Nico Taurisano

La spettroscopia Raman

Verrà brevemente introdotta la figura del fisico indiano, premio Nobel per la fisica nel 1930, per i suoi studi sulla diffusione della luce. Dopo una sintetica introduzione ai fondamenti della tecnica analitica, si discuterà delle sue molteplici applicazioni: dal campo farmaceutico alla scienza dei materiali, dalla diagnostica dei beni culturali all’autenticazione di materiali preziosi o di rilevanza storica.

Spettroscopio Raman del Centro Ricerche ENEA di Brindisi

Linus Pauling

Linus Pauling Nobel per la chimica (1954) e per la pace (1962)

Emiliano Burresi

La figura di Pauling e il suo fondamentale contributo alla scienza è legato indissolubilmente alla descrizione quantomeccanica del legame chimico. Verrà esposta la teoria del legame chimico in un percorso prevalentemente a carattere storico, sottolineando i passaggi fondamentali che hanno portato a quella che è oggi la moderna descrizione del legame chimico.

Richard Feynman

Richard Feynman (1965): uno scienziato fuori dal comune

Francesca Di Benedetto

Feynman conquista il Nobel per aver introdotto una rappresentazione grafica dei processi di interazione tra le particelle cariche, ideando un vero e proprio linguaggio di scrittura ed un potente strumento di calcolo. Rappresenta uno dei più grandi fisici teorici della storia ma anche un iconico personaggio dai mille volti: divulgatore scientifico, scassinatore di cassaforti, suonatore di bongos, ritrattista delle ballerine di lap-dance e soprattutto viveur amante degli scherzi e del divertimento. Il suo insegnamento più importante è l’attitudine alla curiosità con cui guardare il mondo, oltrepassando i confini della scienza senza mai rinunciare alla libertà di pensiero e al rigore del metodo scientifico.

Max von Laue

William Henry e William Lawrence Bragg

Max von Laue (1914), William Henry Bragg e William Lawrence Bragg (1915) per la diffrazione dei raggi X da cristalli

Antonella Tagliente

Il premio Nobel per la Fisica assegnato a Max von Laue per la scoperta della diffrazione dei raggi X da parte dei cristalli, immediatamente seguito da quello assegnato ai Bragg (padre e figlio) per l'analisi della struttura cristallina con i raggi X, hanno consentito la nascita di una nuova scienza, la cristallografia, grazie alla quale si è raggiunta un profonda conoscenza dell'organizzazione microscopica degli atomi in molecole e solidi estesi.

Diffrattometro a raggi X del Centro Ricerche ENEA di Brindisi