LA PLASTICA NEGLI AMBIENTI MARINI:  EFFETTI AMBIENTALI DI UNA ECONOMIA LINEARE

LA PLASTICA NEGLI AMBIENTI MARINI: EFFETTI AMBIENTALI DI UNA ECONOMIA LINEARE


REFERENTI: Sonia Manzo, Juri Rimauro

AREA ESPOSITIVA NON SOGGETTA A PRENOTAZIONE
PUBBLICO: GENERICO  - ORARIO: 15:00 – 22:00 - POSTI: ILLIMITATI

AI FINI DELLA REGISTRAZIONE PER L’ACCESSO AL CENTRO È POSSIBILE INVIARE MAIL ALL’INDIRIZZO: , CON OGGETTO:open day 2019” indicando nome, cognome e data di nascita

I rifiuti rappresentano il prodotto finale di una economia lineare. Questi costituiscono un serio problema quando abbandonati in ambiente e/o non correttamente inseriti in un processo di valorizzazione e di riutilizzo, così come previsto dai principi di una economia circolare. Infatti la loro produzione , smaltimento e gestione comporta un enorme dispendio di energia e rilascio di gas serra responsabili del riscaldamento globale.

La plastica ormai viene sempre più considerata uno degli elementi che caratterizza l’era in            cui viviamo. Allo stato attuale i materiali               polimerici costituiscono la maggior parte degli    oggetti che quotidianamente    utilizziamo:le caratteristiche  che ne hanno consentito la rapida diffusione ed applicazione           : leggerezza, resistenza e costi di produzione contenuti     rappresentano, l’origine dei danni       ambientali soprattutto in ambiente marini. Dati recenti hanno evidenziato che oltre    l’80% dei rifiuti raccolti nel Mar Mediterraneo, spiagge comprese, è rappresentato da plastiche. E' sempre più evidente che tali contaminanti possono provocare effetti dannosi per l'ecosistema marino.

Verranno illustrati sia i principali metodi di campionamento di matrici ambientali (acque e sedimenti marini) e la loro preparazione per le successiva caratterizzazione chimica., che i principali effetti avversi per organismi marini derivati dalla esposizione a macro e microplastiche .